Presentazione

Grazie ai finanziamenti erogati dalla Regione Toscana il Parco delle Alpi Apuane ha recentemente portato a termine un importante intervento di recupero dell'Orto botanico "Pietro Pellegrini", la cui fondazione risale all'anno 1966 ad opera di un gruppo di appassionati naturalisti.

Ancora una volta la disponibilità di risorse economiche unita alla capacità progettuale del nostro Ente ha reso possibile compiere un'impegnativa opera di valorizzazione di questa importante emergenza delle Alpi Apuane.

Le pagine che seguono rendono dettagliato conto sia degli interventi effettuati dal Parco sia delle interessanti caratteristiche di questo giardino alpino che, al suo interno, racchiude molte delle specie vegetali più significative e più rare delle nostre montagne.

Tra le tante opere preme ricordare quella che ha forse reso questo Orto botanico unico nel suo genere, almeno dal punto di vista della fruizione e della accessibilità. Nel rispetto dei principi della cosidetta Dichiarazione di Norcia, enunciati nel convegno internazionale "Il Parco è di tutti. Il mondo anche", tenutosi in quella città nell'ottobre 2003, è stato realizzato un percorso facilitato che rende possibile l'accesso di buona parte dell'Orto ad un grande numero di persone. Grazie a ciò un versante montano, fino ad oggi raggiungibile solo da pochi, può essere visitato da gruppi scolastici con bambini portatori di handicap, da anziani e da persone non necessariamente confidenti con la montagna. Esperienze di questo tipo sono fortunatamente sempre più frequenti nei parchi europei ma nel nostro caso, e forse per la prima volta, riguardano un Orto botanico alpino, che per sua natura presenta oggettive difficoltà nell'accesso.

Voglio chiudere questa breve presentazione richiamando alcune tra le varie e più significative enunciazioni di Norcia, quali… l'accessibilità è un diritto umano e come tale deve essere garantita a tutte le persone indipendentemente dalle loro condizioni e dai loro limiti… la fruibilità della natura e dell'ambiente va estesa a tutti, offrendo a ciascuno il massimo livello di godibilità nel rispetto dell'ecosistema… non senza sottolineare quanto queste parole assumono tanto più valore quando sono associate ad uno spendido contesto naturale ed ambientale come quello del nostro Orto botanico.

Il Presidente del Parco Regionale delle Alpi Apuane
Giuseppe Nardini